Forte aperto dal martedì alla domenica

Sull’antica Via delle Gallie: Pont-Saint-Martin e Donnas

La Via delle Gallie fu la prima opera pubblica realizzata in Valle d’Aosta. La strada attraversava il territorio valdostano giungendo da Eporedia (Ivrea), sino ad Augusta Prætoria (Aosta), per poi biforcarsi in direzione del Piccolo San Bernardo e del Gran San Bernardo. Il percorso conserva resti archeologici ancora visibili e di pregio. A 6 km dal Forte, da ammirare il poderoso Ponte romano in pietra che solca le acque del torrente Lys nel centro di Pont-Saint-Martin. Ancorato alla viva roccia, è alto 25 metri e la sua unica arcata è larga 35 metri. Alla base sono visibili, scavati nella roccia, gli alloggiamenti per le travi lignee che hanno costituito l’impalcatura necessaria per la costruzione dell’arcata in pietra. All’imbocco del ponte è visitabile tutti i giorni, dalle ore 9 alle 18, ad ingresso gratuito il Museo del Ponte Romano, che presenta tutte le informazioni storiche e le curiosità di questo straordinario manufatto. Merita una visita il Borgo vecchio che si sviluppa lungo via Roma e la passeggiata che di lì sale al Castello Baraing.

Proseguendo verso Aosta, a 3 km dal Forte, il turista può percorrere a piedi la Strada romana delle Gallie (foto) a Donnas, preceduta dal caratteristico Borgo medievale del paese. Qui l’antico itinerario presenta uno dei suoi punti più caratteristici e spettacolari, intagliata nella viva roccia per una lunghezza di 221 metri e sormontata da un passaggio ad arco di 4 metri di spessore, 4 metri di altezza e quasi 3 metri di larghezza.