Aperto dal 7 dicembre tutti i giorni lunedì esclusi.

Una terra di castelli

La Valle d’Aosta è nota per i suoi castelli e le torri che da punti elevati dominavano un tempo vaste aree di territorio. A pochi chilometri dal Forte sono due i castelli aperti al pubblico visitabili tutto l’anno: il maniero di Issogne, residenza signorile della famiglia Challant e il castello di Verrès, all’imbocco della Val d’Ayas. Il castello di Issogne, affacciato su un ampio cortile e un giardino all’italiana, presenta un prezioso porticato ornato da una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, e al centro del cortile la celebre fontana in ferro battuto detta del Melograno, simbolo di prosperità. A poca distanza, costruito su un picco roccioso che domina il sottostante borgo e la Collegiata di Saint-Gilles, si trova il castello di Verrès, citato per la prima volta nel 1287. Un’iscrizione scolpita in caratteri gotici attesta che fu Ibleto di Challant nel 1390 a porre mano ai lavori che fecero assumere all’edificio l’aspetto attuale.

Tra Bard e Verrès, da ammirare ad Arnad, il Castello dei Vallaise dimora aristocratica che oggi si offre ai visitatori nel suo aspetto secentesco (oggetti di restauri è al momento chiuso al pubblico). Da qui è possibile raggiungere con una gradevole passeggiata il Santuario di Machaby, dedicato alla Madonna delle Nevi, le cui origini parrebbero risalire al XIV secolo.