Museo delle Alpi

museoalpi_scritta.jpg

Il Museo delle Alpi.
Un percorso pluridisciplinare, multimediale e interattivo per scoprire le Alpi e capire la montagna.

Il Museo della Alpi è uno spazio museale all'avanguardia che racconta una montagna "vissuta" e trasformata dalla mano dell'uomo. Un racconto nello spazio e nel tempo in cui suoni, video e proiezioni danno forma a scenografie, ricostruzioni e giochi multimediali che accompagnano il visitatore lungo un viaggio di esplorazione da vivere con i cinque sensi per educare, divertire e immergersi nella cultura alpina. Un museo a "misura d'uomo" dedicato a tutte le età, in cui tradizione e nuove tecnologie si fondono in un percorso che assume la forma unitaria di un testo, che il visitatore ha modo di "leggere" quasi si trovasse all'interno di un libro, diventando così protagonista e non semplice ospite.

Il Museo delle Alpi è collocato al primo piano dell'Opera Carlo Alberto, principale corpo di fabbrica della fortezza e per raggiungerlo si compie una vera e propria ascesa in quota, grazie ad avveniristici ascensori esterni di cristallo che dal borgo medievale di Bard, ai piedi del Forte, salgono sino alla rocca. Da lì, lungo un'imponente scala di vetro e acciaio si raggiunge il cuore del complesso fortilizio, dove ha sede il Museo. Le 29 sale di cui si compone il percorso espostivo sono suddivise in quattro sezioni pensate per condurre il visitatore alla scoperta delle Alpi. Ognuna di esse è lasciata al racconto dei suoi testimoni: il naturalista, il geografo, l'antropologo, il meteorologo che descrivono attraverso brevi interventi video il tema della rispettiva sezione, coinvolgendo direttamente il pubblico nell'esperienza della narrazione.



Dopo un'introduzione in cui viene proposta una lettura del paesaggio alpino contemporaneo, la seconda parte esamina le principali componenti naturali e umane dell'ambiente montano come premessa alla terza sezione dedicata alla presentazione della civiltà alpina, cui segue un'illustrazione della trasformazione della montagna nell'epoca della sua modernità, che costituisce la quarta e ultima parte.